Ultimi aggiornamenti del sito       La Pratica Osservativa dell\' Allenatore di Portieri nel Settore Giovanile

Grazie per la tua valutazione.

Contattaci tramite questo form.
Email:
Soggetto:
Messaggio

Metodologia di Stefano Prato

L’organizzazione del percorso formativo del giovane portiere necessita di essere inquadrato in un ordine sequenziale logico finalizzato al miglioramento della prestazione, deve essere flessibile per operare sui diversi aspetti relativi al volume, all’intensità ed alla frequenza delle attività attraverso programmi di allenamento, gara e recupero; deve adeguarsi alle fasi di sviluppo dell’atleta, tenendo conto pertanto della crescita, della maturazione e dei principi di allenabilità, deve evolversi in continuazione, e sottoposto a continua ricerca e verifica in ogni sua fase.

Proprio in relazione di quanto sopra esposto è evidente quanto inutili siano lunghe programmazioni didattiche statiche che non tengano conto delle differenze di abilità tra i giovani portieri a prescindere dall’età e dalla categoria. Il successo del nostro lavoro dipende dalla capacità di modulare gli obiettivi e le proposte operative in base alla capacità di apprendimento e prestazione di ogni singolo individuo.responsive
In linea di massima si tende a suddividere l’attività del settore giovanile in un periodo pre-agonistico (attività di base) e in un periodo agonistico (attività agonistica). Il primo periodo, caratterizzato prevalentemente da attività inerenti al gioco ed allo sviluppo delle capacità motorie del bambino, l’obiettivo è individuare e rinforzare attitudini proprie del ruolo, evitando una precoce e inutile specializzazione.
In seguito, nel periodo agonistico, sarà sviluppato il percorso di formazione con un accento progressivamente sempre più marcato sulla specializzazione nel ruolo e sull' inserimento in un contesto tattico.
La suddivisione a cui normalmente faccio riferimento per la stesura dei programmi di lavoro è la seguente:
a) Attività di Base
- preparazione iniziale - Pulcini ( 7-10 anni)
- avviamento preliminare di base - Esordienti ( 11-12 anni)
b) Attività Agonistica
- formazione specifica di base - Giovanissimi e 1° anno Allievi ( 13-15 anni )
- formazione globale, al massimo delle possibilità - dal 2° anno Allievi in poi ( dai 16 anni )