Grazie per la tua valutazione.

Contattaci tramite questo form.
Email:
Soggetto:
Messaggio

Articoli|Elaborati tecnici e sugli aspetti che caratterizzano la formazione del Giovane Portiere

responsiveresponsiveI titoli qui sotto elencati rappresentano lavori da me elaborati nel tempo e con i quali ho cercato di affrontare progressivamente tematiche inerenti la formazione e l'allenamento del giovane portiere. Il lettore non sempre potrà essere d'accordo con il mio pensiero e con quanto esposto: scrivere mi aiuta a mettere ordine tra le mie idee ed al contempo favorisce la creazione di un produttivo clima di confronto, tutto ciò necessario alla crescita ed alla condivisione delle mie competenze di allenatore. Compatibilmente con il tempo a disposizione proverò ad inserire periodicamente nuovi scritti, invito chi avesse delle osservazioni da pormi a contattarmi, sono sempre disponibile al dialogo ed all' ascolto di posizioni differenti.responsive

La Capacità di Anticipazione del Giovane Portiere. Adattare o trasformare durante la situazione di gioco

Durante le varie situazioni che si sviluppano nel gioco il Giovane Portiere riceve ed utilizza costantemente informazioni provenienti dall' ambiente esterno che verranno percepite ed interpretate, ad esempio prima di una trasmissione in profondità, oppure prima del tiro dell' attaccante, e queste potranno essere relative alla direzione, velocità e tipo di calcio, riferite alla posizione di compagni ed avversari, ai fattori ambientali oltre che ai riferimenti fissi del terreno di gioco.

Nel corso delle continue situazioni che si generano nel gioco il Giovane Portiere riceve ed utilizza informazioni provenienti dall' ambiente esterno che saranno interpretate in linea con le proprie competenze, ad esempio prima di una trasmissione in profondità, oppure prima del tiro dell' attaccante, e queste potranno essere relative alla direzione, velocità e tipo di calcio, riferite alla posizione di compagni ed avversari, ai fattori ambientali oltre che ai riferimenti fissi del terreno di gioco.

Le informazioni provenienti dal gioco sono continuamente variabili e si distinguono in attese che determinano un adattamento dell' azione motoria già programmata, oppure in impreviste in cui la stessa azione motoria viene completamente trasformata in funzione di quanto letto nel gioco.

L' estremo difensore le elaborerà e si affiderà a qualità ed abilità proprie interdipendenti ed allenabili, tra le quali spicca decisamente come importanza la Capacità di Anticipazione, attitudine fondamentale del Numero 1 nella lettura del gioco e delle singole componenti, per esprimersi con un' azione di successo, economica e risolutiva.

responsive

La capacità di anticipazione supporta il portiere nel riconoscere le probabilità che un avversario manifesta per poter effettuare un tipo di tiro piuttosto che un altro, o ad interpretare rapidamente un determinato sviluppo tattico della squadra avversaria, oltre che a poter fornire per tempo le giuste indicazioni verbali al proprio reparto difensivo.

Tali informazioni lette durante l' azione offensiva della squadra avversaria possono essere identificate:

  • dalla posizione in campo del pallone, dei compagni e degli avversari;
  • da come viene ricevuto il pallone, a livello motorio, tecnico e tattico, ad esempio fronte al campo (palla scoperta) o spalle alla porta (palla coperta);
  • dalla disponibilità di tempo e spazio per il controllo della sfera, condizionato o meno dalla pressione dei compagni;
  • dal predisporsi a livello posturale al tiro a rete od all' ulteriore passaggio, quindi dalla lettura del gesto motorio precedente all' espressione tecnica.

Molte sono le strategie intrinseche al gioco, e molteplici saranno i tentativi del Giovane Portiere per impedire l'ingresso del pallone in rete. Comprendere ciò che da li a poco l'avversario andrà a compiere consente un importante risparmio cognitivo, favorirà la riduzione dei tempi della fase preparatoria, consentendo maggiore attenzione sulla risposta tecnica o tattica da opporre.

Si deduce quanto sia estremamente formativo che negli ambienti giovanili la strutturazione e la proposta di sedute di lavoro sulle situazioni di gioco siano legate principalmente all’ apprendimento ed al reperimento di nuove esperienze, non devono essere stereotipate e in modalità 'close skill', cosi da poter creare condizioni individuali che arricchiranno progressivamente i nostri allievi con il passare del tempo, forgiando in maniera sempre più precisa i canali sensoriali ed il livello cognitivo.

Per tali motivi si evince quanto la pratica sia indispensabile, e quanto si basi su punti fondamentali necessari alla formazione, quali :

  • elaborazione di situazioni differenziate, che favoriscono l'espressione del gesto tecnico del Portiere, e che grazie a dinamiche differenti risulterà sempre diverso e complicato, proporzionalmente all'aumentare delle difficoltà. Gli elementi determinanti saranno il tempo necessario per decidere, la conoscenza delle proprie possibilità e tutte le variabili ambientali che l'allenatore riuscirà a ricreare;
  • stimolo del pensiero tattico, che è il perno fondamentale con cui far interagire l’anticipazione motoria. Il livello di coscienza, la decisione da prendere, favoriranno nel Giovane la capacità di anticipare una situazione, a livello di pensiero e quindi motorio; se poi questa sarà determinata dalla capacità intuitiva risulterà fortemente legata alla coordinazione motoria comprendente tutto ciò che riguarda la motricità e l' abilità tecnica dell' individuo;
  • esercitazioni ideo-motorie, che inducono il Portiere a sviluppare la capacità di rivedersi interiormente al momento della propria azione motoria, quindi di anticiparsi mentalmente nelle coordinate fondamentali di spazio/tempo;
  • proposta di esercitazioni specifiche dove saranno previste importanti e continue variazioni sull’ esecuzione dei movimenti, modificazioni delle condizioni esterne, combinazione di più abilità motorie, esercitazioni sotto pressione e variazioni sul canale di presa delle informazioni. E' chiaro che in questo caso essendo interessati Giovani Portieri in età evolutiva tale processo di apprendimento potrà essere alterato da errori più o meno importanti che si potranno originare da diverse fonti come carenza delle capacità fisiche, fattori emotivi, carenze percettive (nella maggior parte dei casi); la valutazione delle traiettorie, inoltre, sarà di fondamentale importanza durante questa fase e ciò potrà mette a nudo tutti gli scompensi motori che questa carenza comporta.

La capacità di anticipazione dipende, contestualmente a quanto sopra ho esposto, da fattori visivi che si possono identificare in:

  • diretti: alcuni di loro sono la fonte principale del quadro che il portiere ha davanti;
  • indiretti: altri elementi visivi che derivano da esperienze precedenti, fungono da base per prevedere il tiro dell' avversario.

Come preparazione specifica dell' anticipazione i nostri Giovani Portieri dovranno essere stimolati a:

  • affinare la capacità di osservazione ( visualizzazione mirata e periferica ) dei movimenti contestuali di palla, compagni ed avversari, in un ambiente in continua modificazione;
  • prendere coscienza delle relazioni che vi sono fra segnali anticipatori e l'azione successiva;
  • avere la capacità di individuare gli elementi critici dello sviluppo del tiro in porta, di una trasmissione della palla nello spazio di competenza, o di una definibile trama di gioco dove conoscenza e riconoscimento delle competenze tecnico/tattiche applicabili durante le tre fasi di gioco ( possesso, non possesso e transizione ) farà da perno per una una risposta efficace, economica ed in sicurezza.

Quando la vista del Giovane Portiere si focalizza su un unico elemento del campo, statico o dinamico che sia, non solo il suo cervello percepisce tale elemento ma riceve anche informazioni supplementari di altre componenti che si trovano nelle immediate vicinanze. Anche se non attivando l' attenzione esclusiva sugli oggetti circostanti questi verranno percepiti attraverso la cosiddetta visione periferica.
Questa è una qualità visiva che ogni portiere dovrebbe poter stimolare nel tempo, attraverso esercitazioni mirate; ciò permetterà di esprimere un livello di attenzione importante verso la palla durante lo svolgersi delle continue situazioni di gioco, e contemporaneamente essere presente mentalmente sui movimenti della propria difesa e dei giocatori avversari.
In tal modo il Giovane Numero Uno modo raccoglierà il maggior numero di informazioni possibili nell' unità di tempo e le utilizzerà nel modo più efficace per esprimere un gesto tecnico-tattico o per prendere le decisioni più adeguate, o per comunicare nelle modalità opportune con la propria difesa, per organizzarsi, o per avviare una rapida ripartenza della fase offensiva.

Qui sotto propongo alcune Analisi Video di situazioni di gara dove alcuni dei miei ragazzi della Sanremese Calcio sono stati chiamati ad esprimersi. Sono estratti che settimanalmente propongo sia al Portiere interessato che a tutti gli altri delle varie leve: è importante accompagnarli nella comprensione e nella lettura del gioco, focalizzare la loro attenzione su quelli che possono essere i segnali più corretti per leggere con anticipo una determinata gestualità tecnica od uno sviluppo della trama di gioco avversaria.

E' fondamentale che il Giovane Portiere durante il percorso nel Settore Giovanile venga formato nell' acquisizione più corretta degli strumenti tecnici specifici, ma è altresì importante che la Crescita nel Ruolo si arricchisca dell' adeguata consapevolezza dei tempi di intervento da rispettare, degli spazi da difendere con posizioni e posture adeguate anche quando la palla è lontana, della comunicazione verbale e gestuale da tenere con i compagni di reparto, è in tutto questo stimolare la Capacità di Anticipazione risulta di vitale importanza.

Situazione di gioco in cui evidenzio al Giovane Portiere quanto sia importante leggere una palla coperta da una palla scoperta, per avviare con anticipo una presa di posizione utile ad una risoluzione efficace e sicura. Situazione di gioco risolta dal Giovane portiere con una uscita bassa in anticipo con presa a terra. Evidenzio posizioni di partenza, postura e scelta, oltre ad alcune osservazioni sull' espressione del gesto tecnico.
Situazione di gioco risolta dal Giovane portiere con una uscita alta in anticipo con presa . Evidenzio posizioni di partenza, postura e scelta, oltre ad alcune osservazioni sull' espressione del gesto tecnico. Situazione di gioco con ripartenza avversaria in cui evidenzio al Giovane Portiere l' atteggiamento tattico assunto, con corrette posizioni ed adeguate posture oltre al corretto stato emotivo dimostrato.

 

Pin It

Articoli|Elaborati tecnici e di respiro generale sul ruolo del Giovane Portiere