Grazie per la tua valutazione.

Contattaci tramite questo form.
Email:
Soggetto:
Messaggio

Articoli|Elaborati tecnici e sugli aspetti che caratterizzano la formazione del Giovane Portiere

responsiveresponsiveI titoli qui sotto elencati rappresentano lavori da me elaborati nel tempo e con i quali ho cercato di affrontare progressivamente tematiche inerenti la formazione e l'allenamento del giovane portiere. Il lettore non sempre potrà essere d'accordo con il mio pensiero e con quanto esposto: scrivere mi aiuta a mettere ordine tra le mie idee ed al contempo favorisce la creazione di un produttivo clima di confronto, tutto ciò necessario alla crescita ed alla condivisione delle mie competenze di allenatore. Compatibilmente con il tempo a disposizione proverò ad inserire periodicamente nuovi scritti, invito chi avesse delle osservazioni da pormi a contattarmi, sono sempre disponibile al dialogo ed all' ascolto di posizioni differenti.responsive

Leggere in anticipo, adattarsi all' evoluzione del gioco, risolvere con efficacia !

E' noto come il Portiere metta in atto una propria modalità per rispondere con successo a molti dei limiti imposti dai tempi richiesti dal sistema nervoso per la percezione e l' identificazione di uno stimolo esterno, e nella conseguente scelta ed esecuzione di una risposta motoria.

responsiveIl Portiere, infatti, possiede ed affina nel tempo la capacità di prevedere in anticipo lo sviluppo di un gesto motorio espresso da un avversario o l' evolversi di una situazione di gioco: ciò grazie alle sue potenzialità innate, al bagaglio esperienziale, alla sua prontezza nel saper cogliere i segnali giusti che provengono dall' ambiente esterno. Nel tempo dovrà formarsi progressivamente come Atleta, attraverso un percorso di crescita che gli permetta innanzitutto di essere consapevole di quanto esprime sul terreno di gioco, imparando a riconoscere il come, il quando, il dove delle Azioni di cui è fautore e nelle quali partecipa a livello individuale.

Nella casistica del tiro in porta, ad esempio, estremamente importanti risulteranno i tempi di reazione complessa manifestati dal Portiere durante la propria azione, ed altrettanto fondamentali saranno i tempi di scelta in base agli stimoli visivi colti nell' ambiente esterno. Maggiore sarà la facilità nel riconoscere i segnali provenienti dall' esterno, discriminando quelli meno utili alla comprensione dell' evolversi della situazione, e più efficace ed economica risulterà la sua capacità di adattamento in termini temporali.

E' evidente, quindi, che la capacità di anticipazione richiesta al Portiere nel caso di tiro in porta può risultare di tipo temporale, in quanto indirizzata verso la comprensione di QUANDO si manifesterà un determinato evento.

Tuttavia per quanto sia utile ' leggere il momento ', per l' estremo difensore è di maggior utilità saper cogliere in anticipo DOVE stia accadendo, con lo scopo di crearsi il vantaggio di organizzare prima i propri movimenti, ed effettuare una scelta tra le risposte di tipo tecnico, per cui COME risolvere la situazione.

responsiveE' sempre utile ricordare che il gesto tecnico è il pilastro portante di qualsiasi azione espressa dal Portiere durante la gara, occorre far presente che sarebbe inutile e probabilmente controproducente formare i propri i numeri uno in funzione di aspetti tattici collettivi prima ancora di avere acquisito la padronanza tecnica necessaria: l' obiettivo dell' Allenatore deve focalizzarsi, inizialmente, verso la maturazione ed il consolidamento nei propri allievi delle abilità tecniche, sia di base che applicate.

In seguito, nascerà l'esigenza di stimolare mentalmente il Portiere con proposte ed esercitazioni che lo pongano nelle condizioni di dover scegliere tra più soluzioni, in modo consapevole e sufficientemente rapido; indurre a risolvere un problema di gioco fa' si che si debba elaborare in modo immediato, spesso personalizzato, senza disinteressarsi degli altri elementi che costituiscono la situazione.

Le proposte sul campo, quindi, prevederanno esercitazioni a confronto in modo tale che l'attenzione sia accentuata solo sul fare in modo semplice, il programma progredirà inserendo periodicamente sempre nuove variabili e di crescente difficoltà, proporzionalmente ai progressi evidenti ed al livello di apprendimento dimostrato. Lo sviluppo del metodo non verterà nella verifica dell' esecuzione automatica della richiesta, ma sulla comprensione e sull' interpretazione, tenendo sempre presente l'obiettivo prefissato inizialmente e che ci siamo posti di raggiungere.
Per la buona riuscita di queste attività condizione fondamentale sarà il clima che si instaurerà tra i Portieri ed Allenatore, quest'ultimo dovrà porsi con un atteggiamento sempre propositivo, mai oppressivo, richiamando l'attenzione su precisi particolari, non numerosi, per evitare inutili sovraccarichi a livello cognitivo.

L' Allenatore non dovrà svelare le soluzioni ma attendere ed affiancare i propri allievi ad elaborare ipotesi di soluzione ai problemi che di volta in volta verranno posti.

L' obiettivo principe delle attività sul campo sarà di contribuire a stimolare il Portiere affinchè sappia percepire efficacemente il contesto di gioco con il proprio corpo e con la propria mente, che riesca a comprendere con l' adeguato anticipo le situazioni, selezionare un programma motorio in linea con la risposta tecnica più adeguata alle contingenti condizioni spazio-temporali. Ciò sarà possibile solo attraverso una graduale conoscenza e percezione del proprio corpo, nello spazio e nel tempo. In questa direzione il Portiere dovrà essere sollecitato costantemente nel lavoro settimanale sul campo, stimolandolo alla comprensione delle strategie di azione degli avversari, al fine di organizzare le proprie in anticipo qualora si manifestassero quelle da neutralizzare.

In sintensi la capacità di anticipazione nel Portiere deve essere stimolata prima in termini spaziali e quindi temporali affinchè possa adattarsi velocemente al contesto ed effettuare la scelta della risposta più adeguata, sia a livello tecnico che tattico

Pin It

Articoli|Elaborati tecnici e di respiro generale sul ruolo del Giovane Portiere